Uso le protesi, ma soprattutto la testa: ecco il segreto del mio cambiamento. la testimonianza di flavio frigè, invalido del lavoro e interprete di se stesso

OCJO, secondo atto. La settimana scorsa abbiamo intervistato, su queste colonne, Bruzio Bisignano, autore ed attore dello spettacolo “per vivere e lavorare senza farsi male”, che sta girando mezza Italia. E adesso è la volta di Flavio Frigè, un infortunato sul lavoro che, attraverso il teatro, è riuscito a “dimenticare” di avere perduto, su una impalcatura di un cantiere, due gambe ed un braccio. “Avevo soltanto 17 anni e tre mesi” tiene lui stesso a precisare. Sentiamo allora qual è il segreto di una vita spesa al servizio degli altri.

Continue Reading

Ocjo alla sicurezza. bruzio bisignano, socio onorario dell’anmil, si racconta in un evento teatrale sugli ambienti di lavoro e di vita

Lui si definisce un guitto, in tanti lo chiamano il caterpillar siderurgico friulano. Perché Bruzio Bisignano è uno di quelli che non molla mai. In sequenza, è stato perito meccanico, studente universitario mancato e allievo della scuola militare degli alpini. Da qui i quattro punti cardine della sua vita: formazione, addestramento, disciplina e fatica, senza i quali – dice – non si ottiene niente. Ma fu negli anni in cui frequentava l’Università che respirò l’autunno caldo dei metalmeccanici e capì che la sua vera passione era la fabbrica. Entrò in acciaieria e, dopo aver visto fallire cinque aziende,

Continue Reading

Su OCJO al Malignani

Settembre dicembre 2017.

Nell’autunno 2017, precisamente il 25 settembre e il 6 dicembre, si è tenuto all’Auditorium Zanon, per gli studenti del Malignani: “Ocjio”, l’evento che è giunto a superare le 120 repliche e che affronta i temi della sicurezza sul lavoro, della protezione dei posti di lavoro, della prevenzione del rischio dei lavoratori. Creato quindi per essere strumento di disseminazione dei temi  della cultura e della sicurezza sul lavoro tra gli addetti delle aziende, si è rivelato molto adatto anche a coinvolgere gli studenti delle scuole superiori in procinto di affrontare l’ingresso nel mondo del lavoro, sia per i contenuti che per il ritmo narrativo. Non un convegno, quindi, ma un evento basato su una comunicazione vicina alla teatralità, un susseguirsi di diversi linguaggi e stili narrativi che ne determinano l’efficacia informativa e che sollecitano riflessioni su una problematica da non sottovalutare a livello complessivo ed individuale.

Continue Reading